Flagellazione di Cristo

Olio su lavagna

Antico dipinto olio su lavagna o pietra di paragone, del XVI secolo, raffigurante la Flagellazione del Cristo, del pittore veronese Felice Brusasorci (Verona, circa 1540 – 1605).
Questo bellissimo dipinto è in ottimo stato di conservazione ed è accompagnato dallo scritto del Prof. Mauro Umberto Lucco che ne attesta la paternità e che lo descrive minuziosamente in ogni sua parte.

Le misure del dipinto sono:

  • Altezza con cornice: 109 cm;
  • Larghezza con cornice: 85 cm;
  • Altezza senza cornice: 37,5 cm;
  • Larghezza senza cornice: 28 cm;
  • Tecnica: olio su lavagna;
  • Epoca: XVI secolo.

BIOGRAFIA

Felice Brusasorci o Brusasorzi, pseudonimo di Felice Riccio (Verona, 1539 – Verona, 1605).

Felice era figlio di Domenico Brusasorzi, dal quale ereditò il mestiere di pittore, come la sorella Cecilia e il fratello Giambattista. Alla morte del padre, Felice cominciò a viaggiare: dipinse per diversi anni a Firenze (dove la sua presenza è annotata nel 1597) e al suo ritorno a Verona diffuse lo stile manierista, che aveva appreso in Toscana, ma aperto all’influenza parmense e lombarda. Numerosi sono i suoi lavori conservati nelle chiese veronesi impregnati di linee artistiche parmigianesche come negli Arcangeli della Madonna in gloria, nella Deposizione e nella Flagellazione.

Notevole fu la sua produzione di pitture su pietra di paragone, di cui fornisce testimonianza il pittore, incisore e scrittore Carlo Ridolfi. Nel quadro raffigurante San Francesco riceve la seconda regola del 1600 (conservato nella chiesa dei Cappuccini di Bolzano) fu, secondo alcuni studiosi, precursore di alcune tendenze barocche. Ebbe numerosi discepoli, tra cui si ricordano Sante Creara, Pasquale Ottino, Marcantonio Bassetti e Alessandro Turchi.

Al pari del padre Domenico fu pittore ufficiale della Accademia Filarmonica di Verona.

Vieni a trovarci su: