Dama di seta

Dipinto inchiostro e colori su seta

Dipinto inchiostro e colori su seta raffigurante elegante dama dal volto coperto con kimono color blu ed ombrello in un paesaggio innevato. Montato su seta con cornice. Sono presenti alcuni piccoli difetti dovuti al passare del tempo.
Le misure del dipinto sono:

  • Altezza 81,5 cm senza cornice
  • Larghezza 30 cm senza cornice
  • Altezza 97 cm con cornice
  • Larghezza 42 cm con cornice
  • Tecnica: inchiostro e colori su seta
  • Epoca: inizio XX secolo (‘900)
  • Provenienza: Giappone

Cenni storici sul kimono

Il kimono (着物 letteralmente “cosa da indossare” e quindi “abito”) è un indumento tradizionale giapponese, nonché il costume nazionale del Paese del Sol levante.

In origine il termine kimono veniva usato per ogni tipo di abito; in seguito è passato a indicare specificamente l’abito lungo portato ancor oggi da persone di entrambi i sessi e di tutte le età. Il kimono è molto simile agli abiti in uso durante la dinastia cinese Tang.

La storia e lo sviluppo del kimono vennero pesantemente influenzati dall’abbigliamento tradizionale cinese del popolo Han, chiamato hanfu, grazie alle ambasciate giapponesi presenti in Cina nel IV secolo.

Fu comunque nell’VIII secolo che il costume cinese divenne popolare in Giappone, ma è durante il periodo Heian (794–1192) che il kimono divenne sempre più simile a quello attuale, anche se all’epoca veniva ancora coperto con una sorta di grembiule chiamato mo.

Durante il periodo Muromachi (1392–1573) il kosode, un antesignano del kimono che però veniva considerato ancora parte della biancheria intima, cominciò invece a essere indossato senza la gonna-pantalone hakama sopra di esso e quindi cominciò anche a essere fissato al corpo con una cintura apposita, la cintura obi.

Durante il periodo Edo le maniche iniziarono ad allungarsi, specialmente tra le donne non sposate, e la cintura obi iniziò a diventare più larga, con vari tipi di nodi e allacciature sempre meno semplici. Da allora la forma base del kimono maschile e femminile è rimasta essenzialmente immutata.

Vieni a trovarci su: